Home > Progetti > Women Empowerment e Sviluppo Agricolo Sostenibile in Sud Sudan (WOSA)

Il “Women Empowerment e Sviluppo agricolo sostenibile per il raggiungimento della sicurezza alimentare in Sud Sudan (WOSA)” è un progetto consortile in collaborazione con l’ONG “VIDES – Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo”. In qualità di partner di progetto, il CO.P.E svolge il ruolo di supporto tecnico al rafforzamento delle dinamiche di associazionismo femminile, supporto alla commercializzazione delle relative produzioni agricole nei mercati locali.

 Il progetto mira a rafforzare la sicurezza alimentare e migliorare la qualità della vita della popolazione rurale del distretto di Gumbo, nella contea di Juba, promuovendo l’autonomia delle donne e le pari opportunità tramite l’accesso equo alle risorse.

Il progetto è volto ad aumentare e diversificare la produzione agricola – dipendente dalle piogge e dalle instabili condizioni climatiche – caratterizzata da notevoli mancanze di mezzi, strutture e conoscenze, introdurre pratiche di allevamento sostenibile per la popolazione del distretto di Gumbo ed  incrementare, attraverso la formazione, la capacità di produzione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Inoltre, il progetto mira all’inserimento sociale delle donne coinvolte nell’iniziativa, aumentandone la capacità di reddito per creare un modello di sviluppo sostenibile replicabile nel tempo e in aree simili.

Le donne beneficiarie del progetto riceveranno il supporto tecnico necessario per la realizzazione di attività agricole generatrici di reddito. La partecipazione al reddito familiare, infatti, consente alle donne di rafforzare l’effettivo esercizio dei propri diritti e di acquisire una maggiore consapevolezza circa l’importanza del proprio ruolo all’interno della comunità di appartenenza.

Insieme ad una produzione agricola diversificata, si intende promuovere il concetto di sicurezza alimentare: la dieta quotidiana delle popolazioni dell’area di intervento è ad oggi costituita maggiormente da sorgo, mais e arachidi. Infine, nell’area sono presenti scarse pratiche igienico-sanitarie, con crescenti casi di colera. E’ dunque prioritario promuovere le norme igienico-sanitarie ed incentivarne la pratica.

I beneficiari diretti del progetto sono 100 donne dai 23 ai 56 anni provenienti dal distretto di Gumbo e dai villaggi limitrofi di Sirikat e Jebel Lemon; 50 donne rifugiate che vivono nel Gumbo IDP Camp. Inoltre, beneficeranno delle azioni di sensibilizzazione circa 30.000 persone, di cui circa 5.000 minori  e 300 insegnanti.

CONTROPARTE LOCALE

FMA Salesiane di Don Bosco, Ispettoria AES – Africa Etiopia Sudan e Sud Sudan

ALTRI PARTNER

‐ Università degli Studi di Torino ‐ Centro Interdipartimentale di Ricerca e Cooperazione Tecnico Scientifica con l’Africa (UNITO ‐ C.I.S.A.O.)

‐ Bankuore Onlus

‐ LEVIEDELMADEINITALY SRL