Il COPE,  a partire dal 2019, ha esteso le attività di intervento svolte nella cittadina di Ambanja anche al settore sanitario, precedentemente svolte in forma di consulenza medica per i bambini frequentanti il Centro Mangafaly. Con tale progetto invece, si effettua un salto di qualità, grazie al finanziamento della Fondazione Cactus onlus, poichè vengono finanziate attività di intervento le cui beneficiarie dirette sono tutte le donne afferenti al centro di salute urbano di Ambanja, almeno 1270 assistite nel corso del 2019, oltre al personale sanitario che usufruirà della formazione prevista. Partner internazionali e locali del progetto sono la Fondazione “CHILDREN FIRST” di Losanna, la Fondazione ST, la Fondazione Telma e l’Associazione MIARO. L’obiettivo principale riguarda il miglioramento della salute materno-infantile di donne gravide e neonati della città di Ambanja, attraverso la conduzione di visite mediche pre e post-natali di qualità in un ambiente sano, pulito e accettabile culturalmente oltre alla disponibilità di una sala per la formazione del personale sanitario. Punto di partenza è la ristrutturazione del Centro di salute Urbano dell’ospedaledi Ambanja con la costruzione del nuovo centro di salute materna e neonatale, adiacente l’ospedale pubblico che diventerà il centro di riferimento per le visite prenatali e postnatali. Il nuovo edificio consisterà in: una sala d’attesa per le donne incinte in attesa di visita medica (durante l’attesa potranno visionare video sulla salute materna e, in generale, sul comportamento da adottare per ottenere una gravidanza sicura e una cura ottimale per il bambino); un ambulatorio dotato di tutte le attrezzature necessarie per le visite di qualità pre e post-natale (con bilance per adulti e neonati, test rapidi per lo screening dell’HIV, sifilide, malaria e gruppo sanguigno), oltre alla possibilità di un sistema di ecografia ostetrica; inoltre, sarà realizzata una sala per la formazione continua con personal computer per consentire la realizzazione di corsi anche on-line, video-conferenze, training con simulazioni etc. Attività collaterale prevista sarà la sensibilizzazione comunitaria e la formazione del personale sul programma di salute materna e neonatale; la sensibilizzazione su vasta scala avverrà attraverso le stazioni radio locali (Radio Ankoay, Radio Ekar e Rural Radio).Una volta sensibilizzata la comunità locale sul progetto di salute materna sarà avviata l’attività di formazione del personale locale che sarà parte attiva nelle visite pre e post natali. Per la formazione del personale, saranno innanzitutto selezionati formatori tra docenti, rappresentanti del Ministero della Salute malgascio, medici e ostetriche del territorio con i quali saranno concordati i contenuti, i mezzi e le tempistiche della formazione. Completata la formazione, sarà attivato il programma di visite pre e post natali presso il nuovo dispensario. Si prevede di arruolare circa 50-60 donne al mese e realizzare 200 visite pre e post natali. Le visite prenatali saranno facilitate dall’utilizzo di una Applicazione sviluppata con l’OMS e scaricabile sugli smartphone del personale medico per permettere di migliorare la qualità della visita medica stessa. Il Ministero della Salute fornirà parte del personale del dispensario oltre che il materiale di consumo.